Liberazione delle anguille, l’appuntamento di quest’anno

Si svolgerà mercoledì 15 gennaio 2020, alle 12.15 presso la foce del Canale Logonovo, la liberazione delle anguille di Comacchio. Questo momento di fondamentale importanza rappresenta l’inizio di un viaggio verso il Mar dei Sargassi.

L’evento, unico in Italia e che si ripete annualmente dal dicembre 2017, rientra nel Piano di Gestione Regionale e Nazionale e nelle linee guida per la tutela dell’Anguilla Europea, inserita nella lista rossa dello IUCN come specie “in pericolo critico di estinzione”.
Grazie anche all’aumento della produzione delle anguille delle Valli di Comacchio registrato nella stagione di pesca 2019, il quantitativo di anguille “argentine” sessualmente mature per la riproduzione che verrà liberato sarà triplo rispetto all’anno passato: circa 550-600 esemplari per un peso complessivo oscillante tra i 5 e i 6 quintali. Le anguille che verranno liberate sono tutte
state pescate nelle Valli di Comacchio prima della fine dell’anno 2019, al fine del rispetto del fermo pesca entrato in vigore il 1° gennaio, e successivamente stoccate e sorvegliate presso le
tradizionali Stazioni di Pesca, in attesa di partire per il lungo viaggio che le aspetta. Questi straordinari esemplari nuoteranno per circa 7000 km fino al Mar dei Sargassi: i nuovi esemplari che
nasceranno, compiranno il percorso inverso per tornare nelle Valli di Comacchio tra 12-14 mesi.