19 Riserve di Biosfera nel Monviso – com’è andata

Si sono conclusi da una settimana i lavori del secondo Meeting Nazionale delle Riserve della Biosfera MAB UNESCO, evento convocato dal Ministero dell’Ambiente e delle Tutela del Territorio e del Mare e organizzato dal Parco del Monviso durante il quale si sono incontrati i delegati, più di cinquanta, di tutte le 19 Riserve di Biosfera italiane in un’ottica di incontro, confronto e scambio di informazioni e buone prassi legate ai numerosi progetti in atto.

«È stato un onore e un piacere collaborare all’organizzazione di questo evento, focalizzato sui temi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile: giornate di lavoro e confronto come quelle che abbiamo vissuto – sottolinea il Presidente del Parco del Monviso, Gianfranco Marengo – sono uno stimolo per procedere nella direzione di un sempre maggiore rispetto per l’ambiente e la natura. Il futuro ci vedrà impegnati nel lavoro con i giovani, per farli diventare sempre di più protagonisti dello sviluppo sostenibile dei nostri territori.»

Mercoledì 18 settembre, giornata di apertura del meeting, i delegati si sono confrontati su due tavoli di lavoro dedicati ai Piani di gestione e ai Piani di comunicazione delle Riserve della Biosfera. Giovedì 19 settembre, nel rispetto dell’ottica transfrontaliera della Riserva della Biosfera del Monviso, le attività del Meeting si sono svolte a Saint-Véran, nel Parco Naturale Regionale del Queyras: prima di arrivarci, i delegati hanno visitato l’azienda Valverbe di Melle, che si occupa di coltivazione, essiccazione e trasformazione di piante officinali da agricoltura biologica, e posato per una foto ricordo al Colle dell’Agnello, luogo di confine tra Italia e Francia dove cinque anni fa fu consegnata la pergamena che conferiva il riconoscimento di Riserva della Biosfera Transfrontaliera del Monviso. Tra le attività della giornata la presentazione dell’esperienza francese degli “ecoattori”, soggetti che vivono e lavorano nelle Riserve della Biosfera e ne condividono i valori fondativi, diventandone ambasciatori.

Durante la mattinata di venerdì 20 settembre il convegno ha visto inoltre il momento ufficiale di consegna della pergamena di “Riserva della Biosfera” alle neo-riconosciute “Po Grande” e “Alpi Giulie”, che hanno ottenuto il riconoscimento nel giugno di quest’anno a Parigi.  Si è svolto inoltre, nell’Antico Palazzo Comunale di Saluzzo, il convegno dedicato a “Il coinvolgimento dei giovani e degli stakeholder”. Nel corso del convegno sono state presentate diverse “buone pratiche” messe in atto dalle Riserve della Biosfera: tra queste, la seconda edizione del MAB UNESCO Monviso Youth Camp, campo estivo per giovani che si è tenuto in luglio a Ostana e che è stato presentato un manifesto sulla necessità di non trascurare oltre il tema dei cambiamenti climatici e dei danni che questi comportano al nostro pianeta. Ecco il Manifesto redatto dai giovani. A fianco delle esperienze locali, hanno esposto la propria realtà e le proprie attività anche le Riserve “Miramare e Costa di Trieste”, “Delta del Po”, “Isole di Toscana”, “Monte Peglia”, “Tepilora Rio Posada e Montalbo” e “Somma-Vesuvio e Miglio d’Oro”, che aveva ospitato la prima edizione del Meeting lo scorso anno.

La Biosfera Delta Po ha infatti presentato alcune sue buone pratiche.

La Direttrice dell’ Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità – Delta del Po, Maria Pia Pagliarusco ha raccontato il percorso di candidatura alla Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS) che ha coinvolto il territorio della Riserva di Biosfera del Delta del Po e i territori dei Comuni afferenti ai due Parchi regionali del Delta del Po, del Veneto e dell’Emilia-Romagna. Marco Gottardi, in rappresentanza del Parco Regionale Veneto del Delta del Po ha inoltre presentato il lavoro svolto dall’Associazione MYdelta, attraverso i diversi progetti dedicati al turismo slow, approfonditi poi da Marco Gennari, presidente dell’associazione, e Sara Bianchi.

Ancora una volta, il secondo Meeting delle Riserve di Biosfera aderenti al Programma MAB è stato un’occasione per confrontarsi, scambiare buone pratiche e porre le basi per prossime collaborazioni.