La rete costiera ed insulare MAB UNESCO

Le Riserve di Biosfera delle isole e delle zone costiere di tutto il mondo hanno caratteristiche naturali, culturali, socioeconomiche e politiche molto diverse. Tuttavia, hanno anche problemi simili e specifici che possono essere affrontati in modo coeso. Per questo motivo nel 2009 è stato lanciato dal Programma MAB dell’UNESCO un Network dedicato. Il Network delle Riserve di Biosfera costiere ed insulari.

Tale Rete ha la funzione di promuovere lo sviluppo sostenibile nelle isole e nelle aree costiere e di favorire strategie di adattamento e mitigazione dei cambiamenti climatici. Sfide di cui abbiamo parlato anche nel recente articolo “Ferrara e il suo Delta tra i siti più a rischio per il cambiamento climatico”.

Il Network ha due sedi  che coordinano la rete e lavorano insieme a livello globale: l’ufficio nell’isola di Jeju nella Repubblica di Corea focalizzato verso questioni relative ai cambiamenti climatici, mentre l’altra sede è stata stabilita nell’isola di Minorca, in Spagna, dove risiede un team è specializzato in sviluppo sostenibile. Questa rete è formata 57 Riserve di Biosfera costiere ed insulari in tutto il mondo.

Sono 686 le Riserve di Biosfera in tutto il mondo e tutte sono parte di una grande rete che sorge sui valori del Programma Man and the Biosphere UNESCO. Facendo parte di questa Rete, la Riserva di Biosfera del Delta del Po ha avuto, ha ed avrà la possibilità di scambi di buone pratiche e conoscenze e progettualità. Un esempio di progettualità di Rete, è stato proprio il Convegno svoltosi a Comacchio sulla “Pesca tradizionale e conservazione dell’anguilla nelle Riserve di Biosfera MAB UNESCO europee”, di cui si è parlato anche nell’ultima newsletter proposta dal Network delle Riserve di Biosfera costiere ed insulari. Scarica l’ultima newsletter del Network