Le attività della Biosfera Delta Po nell’anno nazionale del cibo italiano

I Ministeri delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e dei Beni Culturali e del Turismo hanno proclamato il 2018 Anno nazionale del cibo italiano. Tale iniziativa ha l’obiettivo di far conoscere e promuovere, anche in termini turistici, i paesaggi rurali storici, coinvolgendo e promuovendo le filiere senza dimenticare l’importante tema della lotta agli sprechi alimentari. Il tutto permetterà di evidenziare come il patrimonio enogastronomico faccia parte del patrimonio culturale e dell’identità italiana.

L’anno nazionale del cibo italiano offre uno spunto eccezionale per comunicare a una platea mondiale l’impegno dell’UNESCO circa il rapporto fra uomo, cultura, natura e produzione/consumo di cibo e, più in generale, per la salvaguardia della diversità culturale e naturale come elemento fondante dello sviluppo sostenibile. Anche la Biosfera Delta Po intende contribuire a tali importanti obiettivi. Per tale ragione la Riserva di Biosfera ha aderito alla scorsa edizione, e intende aderire alla prossima edizione, del concorso Upvivium, rassegna gastronomica MAB UNESCO che ha fatto riscoprire le tradizioni di un tempo e conoscere il patrimonio agroalimentare delle tre Riserve della Biosfera partecipanti. Non ti ricordi come è andata a finire la scorsa edizione? Clicca qui!

Ma non è finita! La Riserva di Biosfera del Delta del Po intende rafforzare il proprio impegno per celebrare il rapporto uomo ambiente attraverso la produzione/consumo responsabile e sostenibile di cibo. Per tale ragione nei prossimi mesi la Riserva di Biosfera ospiterà la mostra “Behind Food Sustainability” che mette in evidenza esperienze provenienti dalla rete delle designazioni UNESCO – siti del Patrimonio Mondiale, Riserve di Biosfera ed elementi del Patrimonio Culturale Immateriale – come modelli di sostenibilità alimentare dai quali trarre ispirazione per un futuro sostenibile. La mostra, realizzata da UNESCO in occasione di Expo 2015, sarà l’occasione per promuovere anche attività didattiche per le scuole del territorio sul tema del rapporto tra cibo e sostenibilità.