Biosfera Delta Po, un video sulla biodiversità

Il Delta del Po rappresenta la più grande riserva nazionale di zone umide in Italia con sbocco a mare privo di sbarramenti.

La funzione della conservazione è favorita dalla diversità di paesaggi ed ambienti, articolati in diverse categorie come rami fluviali, una fitta rete idrografica secondaria, sistemi dunali costieri e formazioni sabbiose, scanni, aree lagunari, valli da pesca, barene, dune fossili, canali e pinete costiere, ma soprattutto zone umide.  In questo mosaico ambientale troviamo oltre 30 habitat Natura 2000 (ad esempio 1150 Lagune costiere, 1510 Steppe salate mediterranee, 2130 Dune costiere fisse a vegetazione erbacea, 2250 Dune costiere con Juniperus spp, 2270 Dune con foreste di Pinus pinea e/o Pinus pinaster).

In termini di specie, all’interno della Biosfera Delta Po troviamo oltre 360 specie di uccelli (di cui 90 in allegato I Direttiva Uccelli), 3 specie di rettili, 2 di anfibi, 10 di pesci, 1 di mammiferi e 1 specie vegetale (in allegato II Direttiva Habitat).

Per quanto riguarda la diversità genetica sono presenti tre specie endemiche (Salicornia veneta, Storione adriatico, Lampreda) e il Cervo della Mesola, specie riconosciuta come geneticamente distinta dalle altre di cervo rosso europeo.